L’Atlante collega il mondo del lavoro con i sistemi dell’apprendimento attraverso l’uso del linguaggio universale rappresentato dalle attività lavorative.

E’ utile per:

  • La messa in trasparenza e il riordino del sistema di qualificazioni rilasciate in Italia;
  • Il riconoscimento nazionale delle qualificazioni regionali e l’individuazione di potenziali equivalenze;
  • Il riconoscimento di crediti/debiti formativi verso i percorsi di apprendimento formali;
  • Il supporto alla validazione e certificazione delle competenze acquisite in contesti di apprendimento non formali e informali;
  • L’orientamento al lavoro, anche in un’ottica di servizi di profiling e bilancio delle competenze;
  • Il supporto alla progettazione, valutazione e certificazione, di percorsi di apprendimento (formazione professionale, iniziale e continua, alternanza,…);
  • La programmazione dell’offerta formativa pubblica;
  • Il supporto alla definizione di policies nell’ambito delle politiche attive del lavoro sia a livello territoriale che nazionale;
  • Il supporto per l’allineamento dei fabbisogni produttivi espressi dal sistema delle imprese e dal mercato del lavoro con l’offerta di competenze dei sistemi di qualificazione;
  • la ricerca in funzione della valutazione dei sistemi di offerta, dell’analisi dell’innovazione tecnologica e delle evoluzioni delle competenze nella domanda di lavoro;